Morte partigiano Massimini, Caudo: “Grazie, Sergio. Ti dobbiamo moltissimo”

Roma, 31 luglio 2019 – “Ieri è morto il partigiano Sergio Massimini. Era un “ragazzo” del 1923, era del nostro quartiere, uno a cui dobbiamo tantissimo. Ha fatto parte della Resistenza a Roma e ha salvato dalla deportazione, in tempi in cui l’orrore dell’Olocausto ancora non era noto, molti ebrei. Ha rischiato, ma si è ribellato alla barbarie perché non accettava di vedere umiliati i propri simili. Era uno di quelli che non ha voltato la testa dall’altra parte e che ha camminato tra i diversi riuscendo a non sprofondare nel buio che aveva intorno a sé perché aveva ben chiaro il senso e la luce dell’essere umani. Oggi più che mai, quel senso va ritrovato, custodito e protetto”.

“Sergio Massimini era un partigiano perché non poteva essere altrimenti: lo fu perché sentiva che era giusto e perché rivendicava forte il bisogno di essere normale, e libero, contro la violenza nazifascista. Perché noi potessimo essere felici. Grazie Sergio. Grazie davvero”. Queste le parole di Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio, in una nota.

Caudo: “TMB Salario chiuso definitivamente, ora revoca AIA e avvio riqualificazione. Collaborazione Municipo e AMA”

Roma, 12 luglio 2019 – “Confermo quanto dichiarato dal dott. Ranieri membro del CDA di AMA: ho incontrato, giorni fa, la dott.ssa Luisa Melara, la Presidente di Ama, e la ringrazio per aver dato seguito a quanto ci siamo detti e per aver portato in una riunione del consiglio di amministrazione le richieste da me sollevate a nome di quei cittadini che dopo tanti anni di sofferenze provenienti da quel sito chiedono ora che si revochi l’AIA e che si avvii un percorso di bonifica e di riqualificazione”. Questo il commento di Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio, in una nota, a seguito delle dichiarazioni con cui, quest’oggi, Ranieri ha proclamato il via al processo di riqualificazione dell’area del TMB Salario.

“Un parco pubblico insieme agli altri usi come quello direzionale  che porteranno nuovo valore ad AMA e decreteranno la definitiva riqualificazione non solo dell’ex sito dell’impianto ma tutta la via Salaria. Un progetto di respiro urbano e metropolitano. Di questo ha bisogno Roma, di fiducia, di visione del futuro e di collaborazione tra tutte le istituzioni. Grazie alla Presidente Luisa Melara e ai membri del Cda di Ama per quanto hanno affermato, ora è urgente mettere nero su bianco, a cominciare dall’atto della revoca dell’AIA, poi la costituzione del gruppo di lavoro per la bonifica e il riuso. Noi, il Municipio ci siamo” conclude Caudo.

III Municipio aperto anche d’estate: 6 asili nido a disposizione delle famiglie, nel 2018 erano solo 4

Roma, 11 luglio 2019 -“Mentre in molti municipi della Capitale le domande per la frequenza estiva dei nidi sono state respinte,  a Montesacro- Talenti la situazione è ben diversa. 6 strutture pubbliche sono rimaste aperte e tutte le domande ricevute sono state accolte. Uno sforzo importante, dal quale siamo stati ripagati sapendo di aver fornito un valido aiuto per le famiglie del territorio” ha dichiarato Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio in una nota.

Nel dettaglio, sono 430 i bambini e le bambine iscritte nella prima metà del mese di luglio 2019, 380 nella seconda metà. Nel 2018, i piccoli ospiti dell’intero periodo sono stati 262 e appena 4 i nidi rimasti aperti.

“Per ottenere questo risultato, abbiamo dovuto fare due richieste all’amministrazione capitolina”, chiarisce Claudia Pratelli, Assessora alle Politiche educative e scolastiche del III Municipio. “Inizialmente ci avevano dato risorse solo per 4 nidi. Ma con gli uffici preposti, che ringraziamo per il grande impegno, abbiamo insistito. Lo abbiamo fatto non solo per rispondere a esigenze familiari, ma anche perché consapevoli dell’importanza dei servizi educativi: gli asili nido, infatti, sono luoghi preziosi per il percorso educativo dei bambini e più sono diffusi, utilizzati e accessibili, più si promuove eguaglianza sociale. È dimostrato infatti che lo strumento più potente per contrastare le diseguaglianze sia  proprio l’educazione prescolare. Purtroppo, ad oggi, questa non abbastanza diffusa per una carenza, in Italia e anche a Roma, di offerta pubblica oltre che per il costo di accesso” conclude la Pratelli.

Caudo: “Congratulazioni a Laguzzi per nomina a segretario PD del III Municipio”

Roma, 11 luglio 2019 – “Saluto l’avvenuta elezione di Filippo Maria Laguzzi a segretario del Pd nel III Municipio. Congratulazioni e buon lavoro a Filippo Laguzzi che ora rappresenta il PD nel territorio municipale, lo aspetta un lavoro importante, interpretare il cambiamento che gli iscritti al PD ma ancor di più i simpatizzanti e chi si astiene dal votare chiede, Cambiamento che la mia amministrazione si è impegnata ad avviare in questi mesi. Nei prossimi due anni il PD a Roma e nel Municipio è atteso da sfide impegnative”. Lo riferisce Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio in una nota.

Emergenza rifiuti, Caudo: “bene tavolo con i municipi. Collaborazione tra soggetti istituzionali è unica via”

Roma, 28 giugno 2019 – “Prima la salute dei romani. Ogni ora i cittadini segnalano situazioni che sono ormai oltre il tollerabile e con reali rischi per la salute. Ma non fermiamoci a indicare i cumuli: la situazione dei rifiuti per strada che fermentano sotto il caldo si può risolvere solo con la collaborazione di tutti. Qualche giorno fa insieme ai colleghi Alfonsi, Ciaccheri e Del Bello abbiamo chiesto alla sindaca Virginia Raggi di coinvolgere i Municipi e, per questo, ho appreso con favore che la prima cittadina istituirà un gruppo operativo anche con i Presidenti  del Municipi. È una decisione importante che corrisponde a quanto i romani si aspettano: cooperazione”. Queste il commento di Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio, in una nota, di fronte all’aggravio della situazione della spazzatura in città. “Per prima cosa bisogna dare sbocchi ai rifiuti indifferenziati, bisogna favorire un accordo tra Regioni, come prevede il codice dell’ambiente in situazioni di emergenza come questa, per conferire i rifiuti fuori dalla Regione Lazio. Il governo chiamato in causa anche ieri in Senato deve essere parte attiva facendo funzionare la Cabina di Regia anche in sede politica. Se i rifiuti indifferenziati vengono usati per il recupero energetico, l’art.35 del codice dell’ambiente prevede che si possano portare ovunque. Lo si faccia”.

“Nel Municipio III abbiamo fatto dei rifiuti uno dei temi più importanti e decisivi per la qualità della vita dei cittadini. Dopo le battaglie contro i miasmi del TMB di via Salaria fino alla sua definitiva chiusura decretata dalla Sindaca e per scongiurare altri siti inidonei per i rifiuti nel territorio è ora importante affrontare con unità di intenti la raccolta, la pulizia e la gestione del ciclo dei rifiuti. E’ vero: la situazione è insopportabile ma non serve strumentalizzarla. I romani chiedono di evitare conseguenze per la loro salute e di raccogliere i rifiuti, sempre, ogni giorno e in tutta Roma. Dobbiamo corrispondere a questa richiesta tutti insieme, Governo, Regione, Comune e per quello che possono anche i municipi. Ognuno faccia quello che gli compete, e se possibile anche di più”, conclude Caudo.